Viaggio in Nepal: ecco cosa vedere in Nepal

viaggio-nepal

Viaggio in Nepal: cosa vedere in Nepal

Viaggiare in Nepal è stato uno dei regali più belli che mi sia mai fatta. Infatti, il Nepal è un affascinante paese dell’Asia meridionale ricco di storia, tradizioni e tanto altro…ma soprattutto è il paese natale di Siddartha Gautama, Budda. Se le filosofie orientali, specialmente il buddismo, suscitano in te un particolare interesse, se ti piace l’avventura e sei una persona spirituale…bè allora il Nepal dovrebbe davvero essere il tuo prossimo viaggio!

Dove si trova il Nepal

Il Nepal è un paese dell’Asia meriodionale senza alcun sbocco sul mare e confina con India e Cina.
E’ il paese dove si trova il Monte Everest, la vetta più alta dell’Asia, situato nella catena dell’Himalaya.

Moneta Nepal

La moneta ufficiale del Nepal è la rupia Nepalese. E’ bene tenere presente che le valute convertibili sono ristrette, ma valute quali Euro, dollaro statunitense, e franco svizzero sono accettate.
Come per ogni viaggio, consiglio di cambiare parte del contante in aereoporto e poi cambiare il resto del denaro in banca o presso agenzie autorizzate al fine di ottenere un cambio più favorevole rispetto a quello dell’aereoporto che è risaputamente più alto e meno conveniente per chi cambia.

Carta di credito o contanti?

Bene, su questa questione io sono stata abbastanza sfortunata perchè il secondo giorno mentre provavo a prelevare da un bancomat nella zona centrale di Kathmandu, la mia carta è stata bloccata dalla banca per sospetto truffa. Ho quindi dovuto chiamare la banca e far presente che effettivamente mi trovavo in Nepal e che non c’era nessun rischio truffa. Quindi, consiglio vivamente di avvisare la vostra banca (specialmente se Unicredit) del vostro viaggio in Nepal per evitare di rimanere con una carta bloccata e senza contanti di sera in Nepal.
Come spesso faccio durante i miei viaggi, specialmente perchè viaggio spesso da sola, è bene alternare contanti e carta e avere sempre un piano di riserva.

Religione in Nepal

Secondo un censimento del 2015, oltre l’ 80% della popolazione nepalese è di religione induista, il 10% buddista, il 5% musulmana, il restante 5% è rappresentato da minoranze yamaita, cristiana, o altre fedi di stampo naturalistico.
Quando andare in Nepal?

Il periodo migliore per visitare il Nepal è da fine ottobre fino ad aprile per evitare i mesi troppo afosi e la stagione dei monsoni che inizia da giugno fino agli inizi di ottobre.
Inoltre, per esperienza personale posso dire che già da Febbraio la temperatura si riscalda particolarmente nelle ore diurne tanto da consentire di indossareare T-shirt a mezzamanica.

Visto per il Nepal

E’ possibile ottenere il visto turistico per il Nepal una volta arrivati in aereoporto a Kathmandu, ricorda di portare con te due foto tessere e dei contanti (euro o dollari). La procedura è abbastanza veloce e richiede al massimo 30-60 minuti.
Oltre all’aeroporto è anche possibile ottenere il visto turistico nei punti di accesso via terra dal Tibet o dall’India.
In alternativa, se sei una persona a cui piace programmare tutto nei minimi dettagli, puoi richiedere il visto turistico online (non prima di 14 giorni prima della partenza) cliccando qui. Ti basterà stampare la ricevuta e consegnarla una volta arrivati all’ufficio immigrazione.

Per quanto riguarda i costi del visto, tutto dipende dalla durata del viaggio:

15 giorni – 30 dollari statunitensi (o prezzo equivalente in euro)
30 giorni – 50 dollari statunitensi (o prezzo equivalente in euro)
90 giorni – 125 dollari statunitensi (o prezzo equivalente in euro)

Come spostarsi in Nepal?

Il tipo di mezzo per girare il Nepal dipenderà molto dal tuo budget, è possibile spostarsi da una città all’altra attraverso voli locali, bus o pagando un auto con autista.
Io ho optato per le opzioni più economiche spostandomi principalmente in bus e per una sola giornata con auto e autista privati perchè avevo una data di rientro ben precisa e volevo accorciare i tempi senza rinunciare alla sicurezza.

In genere, per spostamenti da una città all’altra propendo per treni o bus notturni, in modo di trascorrere i tempi morti del viaggio dormendo e svegliarmi al mattino in un’altra destinazione.
Purtroppo, questa opzione fu altamente sconsigliata da tutti coloro i quali chiedevo, dato che, in Nepal a causa delle cattive condizioni della strada, della scarsa illuminazione e del fatto che è molto frequente trovare mucche per strada che è difficile individuare proprio a causa della scarsa illuminazione. Non è un caso infatti che il numero di incidenti in bus notturni sia molto alto in Nepal.

Col senno del poi, sono felice di aver ascoltato chi ha cercato di dissuadermi dal viaggiare di notte in bus locali. Non tutte le strade in Nepal sono asfaltate, molte strade sono a doppio senso ma sono così strette, che dovrebbero essere a senso unico, strade che costeggiano precipizi…senza alcuna protezione. Quindi, quello che raccomando a te che leggi è di viaggiare di giorno e con la luce.

Cosa vedere in Nepal

Nonostante il Nepal sia un paese relativamente piccolo c’è tanto da vedere e soprattutto tanto da fare. La durata del tuo soggiorno in Nepal, dipenderà moltissimo da quello che vuoi fare. Ad esempio, se sei un amante del trekking dovrai considerare un minimo di 4-5 giorni da dedicare interamente al trekking. Se hai voglia di familiarizzare con il buddismo e meditazione, consiglio un meditiation retreat ed introduzione al buddismo presso un monastero della durata di 10-15 giorni.
In linea di massima, le località indicate di seguito sono quelle che io ho personalmente visitato e che consiglio a chi decide di visitare il Nepal.

Viaggio in Nepal: Kathmandu

Kathmandu è stata la prima città che ho visitato durante il mio viaggio in Nepal. Ciò che mi ha immediatamente colpita è stata quell’aria hippie che avvolge tutta la città, non è un caso infatti che negli anni 60 migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo, intrapresero un viaggio meraviglioso – la cosidetta Via della Seta – partendo dall’Europa, passando per l’Afghanistan e l’Asia centrale per poi terminare in India e/o Nepal.

Kathamndu ha tanto da offrire ai turisti, anche se visto il tipo di destinazione è più appropriato usare la parola viaggiatori.
Templi buddisti e induisti, il tempio delle scimmie Swyambhnunath, Pashupatinath, il luogo più suggestivo della città dove è possibile assistere alla cremazione dei defunti.
Oltre alle “comuni” attrazioni, Kathmandu ha anche molto altro da offrire in termini di esperienze. Infatti, durante il mio soggiorno a Kathmandu non ho solo fatto le tipiche “cose da turista”, ma come nel film di Julia Roberts “Mangia, Prega, Ama” ho fatto un percorso spirituale della durata di due settimane, introduzione al buddismo e alla meditazione all’interno di un monastero buddista, il Kopan Monastery.

Pokhara

Pokhara è stata la seconda tappa del mio meraviglioso viaggio in Nepal nella quale mi ci sono fermata per 2 giorni ed 2 notti.
Pokahara è decisamente una città molto più piccola e tranquilla rispetto alla caotica Kathmandu. Questa città è il posto ideale per apprezzare la natura, fare lunghe passeggiate, ammirare la bellezza del lago Phewa e visitare la World Peace Pagoda che offre una vista sull’Himalaya indimenticabile.
Ma oltre al relax Pokhara può anche regalare momenti carichi di adrenalina per chi ha voglia di sperimentare il paraclimbing ed è inoltre una tappa molto popolare per gli amanti del trekking. Infatti, da Pokhara partono molte spedizioni nel circuito del campo base di Anapura.

Bhaktapur

Bhaktapur è una città molto amata dalla popolazione locale per via della sua ricchezza da un punto di vista architettonico e culturale. Infatti la città è l’antica capitale del Nepal. Sfortunatamente, il terremoto del 2015 ha distrutto gran parte della bellezza di questa città e molti edifici, seppur non totalmente distrutti ne sono rimasti gravamente danneggiati.
Per Bhaktapur, consiglio 1-2 giorni pieni a seconda del tempo a disposizione che sono sufficienti a visitare i siti più importanti quali: il centro storico e le strade del centro, Durban Square e la pagoda di Nyatapola.

Lumbini

Lumbini è una città nepalese ai confini con l’India e famosa per essere il luogo di nascita di Siddharta Gautama, Buddha.
Le principali attrazioni ruotano tutte intorno a Siddharta, la sua famiglia e la sua vita. Queste sono alcuni dei principali siti che consiglio di visitare durante un soggiorno a Lumbini:

Il Mayadevi Temple, costruito nel punto esatto della sua nascita
Il Mayadevi Pond, un lago dove la leggenda narra che la madre di Buddha si sia bagnata prima di partorirlo
Bodhi Tree, un grande ed imponente albero ricoperto di bandierine

Chitwan National Park

Il parco nazionale Chitwan è il parco più esteso del Nepal nonchè anche il più antico del paese e si trova nella parte centro-meriodale del paese.
Dal 1984 è stato incluso nel patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Il parco è ricco di flora e fauna, ospitando un gran numero di specie animali, alcuni dei quali in via di estinzione come ad esempio la tigre del Bengala ed il rinoceronte indiano.

Conclusioni

Come detto all’inizio di questo articolo, il Nepal è un paese che ha tanto da offrire e il tempo per vedere e sperimentare tutto sembra non bastare mai.
Prima della partenza, ricorda sempre di consultare il sito dell’ambasciata nepalese in Italia (o di altri paesi qualora tu sia residente all’estero o abbia un passaporto diverso da quello italiano) e di controllare le condizioni metereologiche al fine di evitare spiacevoli sorprese.
Infine, raccomando un’assicurazione di viaggio che copra innanzitutto l’assistenza sanitaria con possibile rimpatrio in Italia, specialmente qualora ti stia recando in Nepal per fare trekking.

FAQs

[saswp_tiny_multiple_faq headline-0=”h2″ question-0=”Quali città visitare in Nepal?” answer-0=”Le principali città da visitare in Nepal sono: Kathmandu Pokhara Lumbini Bhaktapur” image-0=”” headline-1=”h2″ question-1=”Il Nepal è un paese pericoloso?” answer-1=”No, il Nepal è uno dei paesi più sicuri dell’Asia.” image-1=”” headline-2=”h2″ question-2=”Viaggiare soli in Nepal” answer-2=”Viaggiare da soli in Nepal non rappresenta nessun problema. Il Nepal è un paese estremamente sicuro.” image-2=”” count=”3″ html=”true”]

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter