Arabia Saudita: guida di viaggio e cosa vedere

arabia-saudita

Viaggio in Arabia Saudita – cosa vedere in Arabia Saudita

Per i viaggiatori più avventurosi e curiosi, un viaggio in Arabia Saudita rappresenta da sempre un sogno quasi irraggiungibile, o almeno fino a poco tempo fa. Infatti l’Arabia Saudita è stata per lungo tempo un paese quasi inaccessibile (quasi quanto la Corea del Nord) e solo da poco ha aperto le sue porte al turismo.

Il Regno Saudita, perlopiù conosciuto per il suo petrolio e per il fatto che applichi la legge della Sharia in modo abbastanza conservativo, ha deciso di investire sul turismo aprendo i suoi confini al mondo. Una gran fortuna, considerando che ,oltre al petrolio e tradizioni che possono risultare obsolete agli occhi degli occidentali, il Regno Saudita ha tanto da offrire in termini di storia, natura, gastronomia e molto altro.

Inoltre, nel mondo arabo e per i musulmani l’Arabia Saudita è un luogo molto importante, principalmente per due ragioni:

  • è il luogo di nascita di Maometto, l’ultimo profeta delle religioni Abramitiche (Ebraismo, Cristianesimo e Islam) nonchè fondatore dell’Islam.
  • Mecca, città proibita ai non-musulmani, è meta di pellegrinaggio per tutti i musulmani del mondo. Infatti ogni anno migliaia di fedeli si recano in questa città al fine di soddisfare il volere di Allah che esorta i musulmani a compiere il pellegrinaggio a Mecca almeno una volta nella vita. Se non sei musulmano/a, l’accesso a Mecca e Medina ti sono categoricamente proibite, al contrario se sei musulmano/a avrai accesso ad entrambe le città, ma da quello che ho sentito/letto dovrai provare di essere musulmano/a.

arabia-saudita

In molti potrebbero non vedere di buon occhio un viaggio in Arabia Saudita, perchè in un modo o nell’altro questo significa appoggiare un governo che non differenzia legge da religione, che per decenni ha privato le donne di diritti che invece sono ritenuti fondamentali in occidente. Tutto vero, è anche vero però che proprio il turismo potrebbe accellerare il processo di progresso culturale che già da qualche anno sta avvenendo nel paese. E poi, io personalmente non viaggio per sostenere i governi, ma per il paese in sè e quello che offre.

Consigli di viaggio in Arabia Saudita

Essendo l’Arabia Saudita un paese molto conservatore e che da poco ha aperto al turismo è bene usare alcune precauzioni e rispettare le usanze del paese.

  • abbigliamento. Questo aspetto, è davvero importante specialmente se donne. E’ importante indossare pantaloni che coprano le ginocchia per gli uomini e per le donne è obbligatoria l’abaya. Per saperne di più leggi la mia guida su come vestirsi in Arabia Saudita.
  • informati anticipatamente sui requisiti necessari per entrare nel paese, affinchè il tuo viaggio in Arabia Saudita proceda senza intoppi (assicurazione sanitaria, visto turistico per l’Arabia Saudita, ecc)
  • rispetta usi e costumi. Durante il tuo viaggio in Arabia Saudita, molte cose potrebbero sembrarti strane, in realtà è semplicemente la loro cultura e come tale va rispettata. Evita commenti sulla religione, tematiche sensibili come ad esempio il conflitto Israele-Palestina, sesso prematrimoniale, ecc.
    attenzione a cosa metti in valigia! In Arabia Saudita ci sono restrizioni particolari su oggetti, cibo e bevande.

Lista delle cosa da non portare in Arabia Saudita:

  • bevande alcoliche di ogni tipo (vino, birra, superalcolici)
  • carne di maiale e cinghiale
  • oggetti erotici (= sex toys)
  • materiale pornografico
  • narcotici
  • simboli e oggetti appartenenti ad altre religioni, come croci, stella di David, la Bibbia
  • dispositivi dediti al gioco d’azzardo, biglietti della lotteria e tutto ciò che è inerente al gioco d’azzardo

Itinerario di viaggio in Arabia Saudita: cosa vedere in Arabia Saudita

L’Arabia Saudita è un paese abbastanza grande e per visitarne le principali attrazioni e le città “più importanti” sarebbero necessarie almeno 2 settimane.

Itinerario di viaggio in Arabia Saudita e cose da fare:

Ryad

Ryan è la capitale dall’Arabia Saudita, città che è un mix di modernità (per via di alcuni edifici molto moderni) e cantiere a cielo aperto (a causa della miriade di lavoro in corso).
Nonostante il suo lato moderno e futuristico, molte donne indossano ancora in Niqab, al contrario di città più aperte come Jeddah.

ryad-arabia-saudita

Se pensi che Ryad non abbia nulla da offrire, bè ti sbagli! Alcune attrazioni quali il Forte Masmak e il museo nazionale sono ottime ragioni per trascorrere un paio di giorni in questa città. Inoltre, Ryad è abbastanza vicina – circa 100 km – al cosidetto Edge of the World, che letteralmente significa: Confine del Mondo. Inutile dire quanto questo posto sia meraviglioso e la vista mozzafiato. Se sei un amante della natura, non puoi tralasciare questa tappa!
Leggi la mia guida su cosa vedere a Ryad.

Escursione di un giorno a Edge of the World

Come anticipato nel paragrafo precedente, the Edge of the Word offre un paesaggio quasi surreale e si ha quasi l’impressione di essere stati catapultati su Marte.
Leggi la mia guida su come arrivare a Edge of the World.

edge-of.the-world

Jeddah

Jeddah, in italiano Gedda, al contrario della capitale Ryad è una città molto meno conservatrice, infatti il numero di donne che indossano il Niqab è nettamente inferiore a quello di Ryad. In termini di cose da fare e da vedere, Jeddah offre decisamente più scelta rispetto a Ryad, motivo per il quale consiglio di fermarti qualche giorno in più. E poi, il centro storico di Jeddah è davvero meraviglioso che quasi sembra uscito dal set di un film.
Leggi la mia guida su cosa vedere a Jeddah.

gedda

AlUla

AlUla, da un punto di vista “fotografico” è sicuramente uno dei posti più famosi dell’Arabia Saudita, complice il fatto che l’ente del turismo saudita abbia inviato, prima delle aperture ufficiali, alcuni tra i più famosi travel blogger al mondo che hanno immortalato scatti incredibili di questa meravigliosa città.

alula

Hegra

Hegra è un po’ la Petra della Giordania, di cui pochi conoscono l’esistenza. Infatti, questa città è diventata popolare solo negli ultimi 24-48 mesi perchè, come per AlUla, molti travel blogger/influencer sono stati invitati dall’ente del turismo immortalando scatti che sono presto diventati virali sui principali social media.
Questa città conserva oltre 100 monumenti scavati nella roccia e perfettamente conservati, non stupisce il fatto che Hegra è il primo sito del regno saudita ad essere stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità.

hegra

Tabuk

Tabuk è un’altra città imperdibile in Arabia Saudita, considerata la porta settentrionale della Penisola Arabica. Secondo un’antica legenda, Maometto trascorse a Tbuk 10 giorni durante il nono anno dell’Egira (= che in arabo significa fuga, indica il periodo in cui Maometto fu costretto a fuggire dalla Mecca). Infatti a Tabuk potrai visitare la Moschea al-Tawba (=moschea del pentimento), che sorge dove il fermò Maometto.
Oltre alle attrazioni in città, vale la pena fare delle escursioni fuori Tabuk, che ti regaleranno la vista di paesaggi spattacoli, ad esempio Wadi Disah, un canyon di roccia nella quale è cresciuta un’oasi ricca di palme.

tabuk

Il Mar Rosso

Probabilmente a causa delle forti restrizioni sull’abbigliamento, ci si dimentica del fatto che il Regno Saudita sia bagnato da uno dei mari più belli al mondo: il Mar Rosso.
Se disponi di un paio di giorni extra, ti consiglio di passare una giornata di relax al mare e una a fare snorkeling o, se sei un appassionato/a di immersioni, scuba diving.
I fondali del Mar Rosso sono tra i più belli al mondo e solo da poco sono diventate possibili escursioni di questo genere…quindi approfittane!

red-sea

Non dimenticare che in Arabia Saudita non è permesso rimanere in costume da bagno, per farlo dovrei recarti presso la spiaggia di un albergo, quindi se vuoi includere il Mar Rosso nel tuo itinerario prenota un soggiorno presso Umluj, Al Wajh o Yanbu.

Fai amicizia con i locali

Se c’è una cosa che ho imparato viaggiando è che non bisogna mai credere ai luoghi comuni e che non esistono paesi con persone cattive e paesi con persone buone. I locali che ho incontrato in Arabia Saudita sono stati tutti estremamente gentili con me (a parte un uomo che ha urlato in mezzo alla strada che dovevo vergognarmi perchè non avevo il capo coperto, cosa assolutamente non obbligatoria per le turiste!).

Ascolta il punto di vista delle donne

Purtroppo, in Occidente abbiamo la tendenza a pensare che velo=schiavitù. Purtroppo a volte è cosi e molte donne sono costrette a coprirsi contro la loro volontà obbligate dalla famiglia. E’ anche vera una realtà molto diversa, esistono donne che sono orgogliose della loro abaya e del loro velo. Lo indossano con orgoglio e si sentirebbero nude senza.

Assaggia tutto ciò che la cucina Saudita ha da offrire

Sicuramente la cucina Saudita non è famosa come quella Italiana o Cinese, ma è molto varia e anche molto molto buona. Inoltre se per motivi etici pratichi una dieta vegetariana o vegana e te la senti di fare uno strappo alla regola, la carne nei paesi musulmani è halal, cioè macellata secondo i dettami del Corano, in cui è esplicitamente indicato che l’animale non deve soffrire prima della macellazione e la morte dell’animale avviene in maniera rapida tramite un taglio netto alla gola, al contrario di ciò che avviene nei macelli occidentali.

Come spostarsi in Arabia Saudita

Il modo più semplice e veloce è sicuramente l’aereo, ma è anche possibile viaggiare da una città all’altra (Ryan – Jeddah e viceversa) un bus che è decisamente più economico ma richiede più tempo. Nel caso decidessi di spostarti in bus, ti consiglio di prendere quelli notturni in modo da poter dormire durante il tragitto e risvegliarti in un’altra città pronta per essere visitata.

Conclusioni

Dopo aver visitato la Corea del Nord (leggi la mia guida su cosa vedere in Corea del Nord) viaggiare in Arabia Saudita non è sembrata un’esperienza troppo difficile, nonostante sia donna e viaggiassi da sola. Inoltre non era la mia prima volta in un paese musulmano con regole molto vigorose, in Iran ad esempio anche le donne straniere non musulmane sono obbligate a coprire il capo (leggi la mia guida su cosa vedere in Iran). Anche l’Iraq è un paese in cui la religione ha un ruolo centrale nella vita delle persone, ad eccezione della regione del Kurdistan, che è la parte dell’Iraq che ho visitato, per saperne di più leggi la mia guida su cosa vedere nel Kurdistan Iracheno.

Come anticipato all’inizio di questa guida di viaggio per l’Arabia Saudita, è bene affrontare questo viaggio preparati su questioni come il clima, l’abbigliamento, i posti in cui l’accesso è vietato, il visto (leggi la mia guida sul visto turistico per l’Arabia Saudita), ecc.
Approfondite le cose elencate in questo articolo su cosa vedere in Arabia Saudita si può star tranquilli e godersi il viaggio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter